Fotografia: l’effetto High Key

Fotografia: l’effetto High Key è l’effetto che rende più luminosa una fotografia. Si ottiene nel caso in cui si parla di sovraesposizione dell’immagine ed è l’esatto contrario del Low Key, in caso di sottoesposizione. Tecnicamente si parla di errori ma questi due effetti consentono di “giocare” con la luce per ottenere degli effetti particolari. Questa tecnica viene usata per fotografare le modelle, i fiori ed il genere macro. E’ usata anche nella fotografia commerciale, per mettere in risalto il prodotto da vendere, aumentandone la brillantezza. Infatti, l’High Key, è un gioco di luce che si effettua interagendo sia sul contrasto (tendente a zero) che sull’esposizione. E’ possibile realizzarla sia all’aperto, con la luce naturale, aumentandone i tempi di posa e su un fondo chiaro come la neve, che in studio, con la luce artificiale, con l’uso di attrezzature specifiche. Di seguito vediamo nel dettaglio come si realizza il l’High Key.

Fotografia: l'effetto High Key
Fotografia di Andrey Gelman

I giochi di luce dell’High Key sono caratterizzati da immagini chiare, dove il colore bianco, e comunque i colori tenui e chiari, sono quelli che dominano l’intera fotografia. In questo tipo di effetto, la luce è morbida e la luminosità e la brillantezza, donano all’insieme della fotografia, un senso di armonia e tranquillità, sostituendo le ombre. In queste fotografie, il contrasto è quasi assente e le luci non devono essere puntate direttamente sul soggetto. La luce è tutto per realizzare questo effetto. In studio è un pò più complesso realizzarlo ma con una buona attrezzatura, è possibile realizzare l’effetto desiderato. Le luci possono essere ad illuminazione continua, fredde e calde. In alternativa, è possibile usare il flash. Tuttavia, entrambi i tipi di luci, hanno una potenza bassa, quindi per lo scatto in studio, è consigliato scattare almeno con tre/quattro fari. 

Fotografia: l'effetto High Key
Fotografia di Andrea Fontana, in arte Threeelements.

Si consiglia di fotografare oggetti chiari, come persone bionde e dalla pelle chiara, in quanto riflettono una quantità di luce superiore al 18% circa che l’esposimetro è in grado di cogliere. Pertanto, sarà utile utilizzare un esposimetro a luce incidente. L’effetto dell’High Key, si realizza con uno sfondo completamente bianco. Al centro di esso va posizionato il soggetto, con un’inquadratura precisa su quest’ultimo. Su questo tipo di scatto è da lavorare sulla luminosità e non sul contrasto. Le luci, devono essere poste in questa maniera: una, denominata “chiave” che è la fonte principale di luce, posta su un lato del soggetto e deve essere piatta. L’altra luce, posizionata opposta alla prima, chiamata di “riempimento” perchè meno luminosa, serve a levigare le ombre che la luce “chiave” può produrre. Ovviamente, per realizzare l’effetto voluto, occorre effettuare diverse prove. Inoltre bisogna evitare che la luce si propaghi sullo sfondo, onde evitare di creare degli aloni sul soggetto. Per far ciò, occorre illuminare lo sfondo per avere una buona risoluzione del bianco, ponendo la luce al di sopra di quelle che illuminano il soggetto. 

Fotografia: l'effetto High Key
Fotografia di Jean Marc Deltombe.

Con il gioco di luce dell’High Key, si deve sovraesporre. Può essere effettuato anche all’aperto, con la luce naturale, in una giornata nuvolosa ma luminosa allo stesso tempo, dove le nuvole facciano da diffusore. Non bisogna dimenticare che la luce deve essere morbida e uniforme e il soggetto, deve essere sempre posto dinanzi alla radiazione luminosa. Come modalità di scatto, l’effetto High Key, deve essere realizzato usando il treppiede per evitare il micromosso, poichè i tempi di scatto devono essere lunghi, da 1/60 in su. Il diaframma f, affinchè la fotografia risulti luminosa, deve essere impostato come minimo tra f/3.5 ed f/5.6. L’ISO, considerando che l’ambiente sia luminoso, è opportuno impostarlo con valori compresi tra 100 e 200. Una volta ottenuto il ricercato scatto, per trovare le modifiche più adatte da applicare all’immagine, occorre lavorare a Photoshop. Inoltre, è possibile giocare con la luce, sia con un’immagine a colori che con una in bianco e nero.

Fotografia: l’effetto High Key è un gioco di luce che richiede diverse prove, in cui occorre trovare il giusto tono e la giusta intensità della luminosità, con un affinamento della propria tecnica di non poco conto. Fotografare significa scrivere con la luce e il l’High Key è uno degli effetti in cui si coglie in pieno il senso della fotografia. 

L’immagine di copertina è stata scattata dal fotografo Andrey Gelman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial