Fiore di loto: il simbolo della purezza

Fiore di loto: il simbolo della purezza è una pianta acquatica che cresce nel fango e appartiene alla famiglia delle Nelumbonaceae. E’ usata come pianta ornamentale dei laghetti artificiali e degli stagni ed è caratterizzato da foglie molto decorative, oltre che commestibili e possono raggiungere il diametro di oltre un metro. I fiori sono estremamente colorati, costituiti da una ventina di petali multicolore, che possono essere il rosa, il rosso, il giallo e il bianco e sono molto profumati. Sbocciano nel periodo estivo tra Giugno e Settembre. Esistono due varietà di questo incantevole fiore:

  1. Nelumbo lutea ( o loto americano) che cresce nell’America centro meridionale (ma nell’America del nord, è diffuso come prodotto alimentare).
  2. Nelumbo nucifera, ( o loto indiano) che invece è diffusa sia in Asia che in Australia.

Il fiore della purezza, vanta una storia millenaria e nonostante nasca dal fango, rimane sempre pulito. E’ un simbolo molto religioso, legato al buddismo, secondo cui una leggenda narra che la sacralità dei fiori di loto derivassero dal fatto che cominciassero a sbocciare lungo i cammini percorsi dal piccolo Budda. Ma risulta essere legato anche all’induismo come concetto di benessere, dove la postura tipica dello Yoga, (posizione a gambe incrociate con le mani sulle ginocchia) indica appunto la meditazione. Per questo, il simbolo della purezza multicolore, viene considerato come oggetto della ricostruzione spirituale. Per queste culture, regalare ad una persona il “simbolo della purezza”, è segno di stima e di ammirazione per aver raggiunto i suoi obiettivi di vita. Simbolo così apprezzato da essere riprodotto anche tra i tatuaggi, sopra tutto nel corpo femminile, come segno della forza con la quale si è in grado di superare qualsiasi avversità della vita. Secondo alcuni studiosi, il loto è in grado di regolare la temperatura dei propri fiori, in grado di attirare gli insetti impollinatori anche nei climi più freddi. Il fiore di loto è totalmente commestibile ma solo quello Indiano contiene diverse proprietà benefiche, utilizzate secondo tradizione nella medicina popolare ( a quanto pare, pur avendo delle proprietà benefiche, non è utilizzabile a scopo terapeutico). Vediamo quali sarebbero queste proprietà benefiche.

  1. Consente di curare la diarrea con la presenza della nuciferina, della ramerina e dei tannini, utilizzando i semi.
  2. I fiori, invece assumono un effetto astringente contro le emorragie. Inoltre è usato per i disturbi gastrointestinali ed è impiegato nel trattamento contro il colera e le infestazioni da vermi.
  3. La nuciferina, a sua volta, ha delle caratteristiche simile alla clorpromazina, usato per disturbi ansiosi, psicosi e dolori vari.
  4. La presenza della quercetina contiene proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. 
  5. Favorisce il dimagrimento.
  6. I suoi estratti sono in grado di esercitare una funzione antitumorale per il cancro al colon.

Ma attualmente è usato sia nella cosmesi (come potente anti-cellulite, per le proprietà astringenti e rinfrescanti) che nella cucina. In questo caso, vengono adoperati i fiori, i semi e le foglie piccole. Quelle grandi, invece vengono usate per avvolgere gli alimenti oltre che essere usate per la preparazione del thè e di infusi. In ultima analisi, il loto americano, definito come loto giallo (per via dei petali dal colore giallo pallido), è usato essenzialmente per scopo ornamentale e alimentare, essendo anche commestibile. Fiore di loto: il simbolo della purezza, delicato nel suo profumo, forte nei suoi colori, come invito ad una vita piena sana e prosperosa. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial