Curry: la pozione magica

Curry: la pozione magica. E’ di origine indiana questa mistura profumata di spezie. Tra le culture orientali è nota col nome di “Masala“. E’ ottenuta dalla mistura di diversi ingredienti quali curcuma, cumino, pepe nero, cannella, peperoncino di Cayenna, zenzero, chiodi di garofano, fieno greco, cardamomo, coriandolo, noce moscata che prima vengono leggermente tostate in padella e poi frantumate nel mortaio. Questa miscela profumata di spezie è stata sempre preparata in casa e in base alla quantità degli ingredienti sbriciolati, sono stati usati in cucina per dare al cibo delle note più o meno piccanti, a volte anche dolci. L’ingrediente principale è la curcuma che contribuisce a dare al Masala il tipico colore giallo senape. Intorno alla fine del 700, la miscela multi aromatica si diffuse anche in occidente. Proprio per la predominanza della curcuma  come ingrediente principale e per via della sua derivazione mescolata ad altre spezie, è conosciuta ancora oggi col termine “Curry” che significa appunto salsa. Sono diverse le varietà del curry ma quelle più usate in cucina sono il “Garam masala” per aromatizzare le carni e le verdure. Vi sono anche le preparazioni al curry più piccanti come il “Vindalo curry di Goa” adatti alla carne di maiale e al pesce. E’ consigliato conservare il curry in ambiente fresco e di consumarlo quanto prima una volta aperto poichè perderebbe il mix dei suoi aromi. Oltre ad essere un ottimo aroma, essendo un derivato dalla mescolazione di altre spezie, questa salsa risulta essere anche un ottimo rimedio per la salute . Di seguito vediamo quali:

  1. Prevenzioni tumorali: il principio attivo della curcumina rallenta la formazione di cellule cancerogene, fermando altresì la formazione di sostanze che possono causare delle infiammazioni al corpo. Studi scientifici hanno evidenziato che la curcuma ha avuto risvolti positivi contro la formazione di masse tumorali al seno, al sangue e alla prostata.
  2. Proprietà antinfiammatorie: l’uso del curry comporta a bilanciare il colesterolo poichè le sue proprietà anti-colesterizzanti interagiscono sul sistema sanguigno, regolando anche la presenza della glicemia, utile per chi soffre di diabete.
  3. Proprietà antineoplastiche: il Masala contribuisce a prevenire malattie degenerative quali la Sclerosi multipla, l’Alzheimer e il Morbo di Parkinson.
  4. Prevenzione dei disturbi intestinali: avendo facoltà antibatteriche e disinfettanti, il curry contribuisce allo sviluppo della flora intestinale, riducendo cosi la formazione dei batteri. Altresì, gli oli contenuti nel cumino riducono il gonfiore addominale. Ancora ostacolano i sintomi della nausea favorendo la digestione con lo stimolo della secrezione ghiandolare.
  5. Proprietà dimagranti: la presenza della cannella rallenta il desiderio di mangiare. il peperoncino e lo zenzero, regolano il metabolismo.

Tuttavia, per la presenza di aromi piccanti, il consumo del curry è sconsigliato ai soggetti che soffrono di disturbi gastrointestinali, poichè l’effetto irritante potrebbe stimolare una presenza maggiore di tali disturbi, causando delle irritazioni nell’apparato urinario. Nella donna è sconsigliato da usare nella fase dell’ allattamento poichè la capsaicina (una sostanza piccante presente nel peperoncino e nel pepe), non è digestibile per il neonato. Quindi ne evince che per il consumo della salsa aromatica, è opportuno rivolgersi a degli esperti onde evitare spiacevoli conseguenze. Curry: la pozione magica. Polvere aromatica, mescolata in una salsa di aromi dai profumi vari e e dagli effetti benevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial