Abbigliamento: influenza il comportamento?

Abbigliamento: influenza il comportamento? L’abbigliamento oltre che moda è tendenza ma spesso traspare le caratteristiche di una persona, a volte le devia all’occhio dell’osservatore. Per molti aspetti, il vedersi allo specchio in una certa maniera equivale all’apprezzamento di se stessi inteso come miglioramento dell’autostima, autocontrollo. Gli antichi dicevano che l’abito non fa il monaco ma è una teoria tutta da smontare in quanto, oggi si ci veste in una certa maniera per tendenza o per il semplice motivo di volersi sentire per chi si vuole essere. Facendo così l’individuo applica inconsapevolmente quello de “l’effetto dell’abbigliamento” che psicologicamente viene chiamato “pensiero vestito”, il quale lavora sui processi mentali, compresi quelli che costruiscono l’immagine di sé. Quindi, ad analisi contemporanea, oggi l’abito fa il monaco agli occhi di sè stesso e gli altri. L’effetto dell’abbigliamento è caratterizzato da “Io” e da “Me” dove l’ Io è il soggetto capace di riflettere su di sé e il Me è quello che l’Io conosce di sé che è in grado di riconoscere anche il corpo che è la materia di cui è fatto e che necessariamente va in giro vestito. A sua volta il “pensiero vestito” è caratterizzato da il “significato di un capo” al quale è connesso all’ “esperienza di vedere il capo su stesso”. Ad esempio se si indossa un abbigliamento serio, agli occhi di se stesso e degli altri, l’individuo apparirà più serio. Se si indossa un abito sportivo, vien da pensare che l’indossatore sarà più atletico. In merito all’abbigliamento vi sono però una moltitudine di variabili in quanto l’errore più grossolano che si tende a fare è quello di dare maggior peso più all’abito in se che alla figura del proprio io. Gli abiti, spesso e volentieri, vengono associati all’uso dei colori, come se il vestirsi, l’umore dipendano dall’abito. Ma prima di porre il “peso” sulla scelta dell’abito, per prima cosa bisogna porre il pensiero su stessi. L’io non è una moda o tendenza che passa nel tempo. Tutt’al più la scelta dell’abito va fatta su se stessi e successivamente per ciò che si desidera e sulla situazione nella quale si indosserà. L’abito deve ricalcare i tratti dell’individuo ma NON DEVE PRESENTARSI COME L’ELEMENTO DELL’APPARIRE MA DELL’ESSERE, trasudando le peculiarità del proprio io. E’ da precisare che l’incrocio tra moda e psiche variano a seconda delle situazioni che sono infinite. Abbigliamento: influenza il comportamento? Una rappresentazione di sè dove alla base della scelta sta l’io rappresentato con e non dall’abbigliamento.

La foto dell’immagine di copertina è ad opera di Fabio Mandosio.

 

 

 

 


2 thoughts on “Abbigliamento: influenza il comportamento?

  1. Wonderful work! This is the type of info that should be shared around the web. Shame on Google for not positioning this post higher! Come on over and visit my web site . Thanks =)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial