Cristiana gettata da balcone in Pakistan

Cristiana gettata da balcone in Pakistan. E’ di recente comunicazione l’ennesimo caso di violenza ai danni di una donna cristiana avvenuto in Pakistan. La ragazza di nome Binish Paul, appena maggiorenne, rifiutando le richieste continue di matrimonio forzato e la conversione all’islam, è stata scaraventata dal 2 piano riportando gravissime fratture alle gambe e alla spina dorsale confermando purtroppo che la giovane sarà costretta sulla sedia a rotelle per il resto della sua vita. Il fatto risale ai primi di agosto ma la cosa ancor più grave del feroce episodio è dovuto dal fatto che la famiglia dell’aggressore, sostenuta dalle forze politiche e dalle forze dell’ordine, abbia contattato la famiglia della vittima intimidandola a non perseguire penalmente il figlio. Corrotti del caso sarebbero anche i medici che hanno monitorato le condizioni della giovane, non volendo reperire nessun referto medico a chi lotta per fornire giustizia alla vittima. Politicanti, sicurezza pubblica e servizio sanitario corrotto e contro il “libero” cittadino. La legale Tabassum Yousaf, prendendo a cuore il caso di Binish, qualcosa però sta riuscendo a fare qualcosa. Dopo aver accolto le testimonianze del caso, facendo denuncia al tribunale Tahir Abbas, cosi si chiama l’aggressore, è stato arrestato ponendolo in custodia cautelare. Quello dell’avvocato Yousaf, è un gesto nobile e molto coraggioso essendo Lei molto credente e nonostante sia stata vittima di aggressioni in passato, ha avuto la fortuna di essere protetta dalla sua famiglia. Il caso di Binish non è un caso isolato, bensì all’anno sono dai 15 ai 30 i casi analoghi che avvengono in Islam, almeno quelli dichiarati. Questo succede perchè spesso le vittime fanno parte di famiglie povere che sconoscono i loro diritti non sapendo che è proprio attraverso la denuncia al tribunale che si può avere l’agognata giustizia. Cristiana gettata da balcone in Pakistan. Quello di Binish Paul è uno dei tanti esempi di genocidio ai danni delle minoranze etniche dei paesi Islamici e non solo. La persecuzione cristiana si espande a macchia d’olio, nella voce di un terribile silenzio che vede e non parla. Si parla di vera e propria blasfemia dove “la vittima è un morto che cammina”. Fonti certe asseriscono che i cristiani perseguitati non hanno differenza di sesso ma un unico comune denominatore: essere cristiani. Casi di persecuzione cristiana e comunque di razzismo non sono presenti solo in terra straniera ma anche in Italia, basta pensare alle lotte e agli scandali nati contro la posa del crocifisso nelle aule scolastiche. L’estremismo è sempre stato un male caratteristico dell’uomo, specialmente quello religioso perchè porta l’individuo ad agire secondo delle regole dettate da una fede e non tramite la logica. Il vero male dell’uomo è sempre stata l’ignoranza che ha portato i popoli a credere che è il sole a girare attorno alla terra e non la terra a girare attorno al sole e così per altre mille teorie. Ma il dilemma vero e proprio sta anche alla base della curiosità umana. Basta farsi delle domande, basta mettere in discussione il proprio agire, basta chiedersi un famoso PERCHE’. Ed è proprio il PERCHE’ a diventare un problema semplicemente per il fatto che la religione non ammette i perchè altrimenti si perderebbe la fede. Quindi a riassunto dei fatti basterebbe scegliere una delle due vie: IL PERCHE CHE L’UOMO SI CHIEDE PER LOGICA oppure L’AFFERMAZIONE DEI FATTI SECONDO FEDE? A voi la scelta ma penso che in cuor vostro conoscete la risposta.


2 thoughts on “Cristiana gettata da balcone in Pakistan

  1. Excellent pieces. Keep writing such kind of information on your page.
    Im really impressed by your blog.
    Hello there, You’ve performed an excellent job. I’ll certainly
    digg it and individually suggest to my friends. I’m sure they will be benefited from this site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial