Fotografia d’autore: il paesaggio

Fotografia d’autore: il paesaggio. La natura è in grado di offrire particolari mozzafiato se scattati con le tecniche giuste e nei momenti giusti. Momenti brevi ma intensi se “visti” entrando a stretto contatto con essa osservandola e ascoltandola così per come è. Sono vari i tipi scatti che si possono effettuare e tra questi i più suggestivi e i più complessi sono i paesaggi naturali. La complessità di queste foto sta nel riuscire a mettere a fuoco tutto il contest poichè il soggetto in questione può contenere oggetti vicini contornati da un orizzonte molto lontano. Basilare per lo scatto paesaggistico è proprio l’orizzonte che deve essere perfettamente dritto. La peculiarità che lo scatto del paesaggio risalta è l’exploit dei colori che è in grado di offrire. Pertanto per avere tutto il più nitido possibile bisogna interagire sulla messa a fuoco con una focale più o meno chiusa che varia da un minimo di f/10  fino a f/22. Fotografia d’autore: il paesaggio. Gioco-forza per avere il massimo della risoluzione del panorama fotografato è il corretto uso dell’ISO ( sensibilità del sensore alla luce, dovè più è alto il valore della luce più è elevata la sensibilità della luce ). Non meno importanti sono i tempi di scatto. Nell’istantanea  di giorno è fondamentale scattare con ISO pari a 100 massimo 200 per evitare il rumore e conseguentemente la sgranatura dei pixel dell’immagine. Con queste condizioni di luce si può fotografare anche a mano libera purchè non si superi un tempo di scatto pari a 1/160. Come in ogni scatto è indispensabile la scelta opportuna della luce naturale con la quale scattare per evitare giochi di ombre che essa può scaturire. Fotografia d’autore: il paesaggio. Infatti è consigliabile di evitare gli scatti nelle ore più alte del sole per la presenza di ombre dure ed una luce molto forte incorrendo nel rischio di avere una foto sovraesposta. Molto suggestive sono le foto effettuate all’alba o al tramonto garantendo giochi di luce a dir poco entusiasmante, ricchi di cromaticità e in questo caso, per ottenere la migliore nitidezza possibile bisogna alzare l’ ISO a 800. Contestualmente con il calare della luce succede che non sia più possibile poter scattare a mano libera e in tali situazioni occorre usare il treppiede potendo aumentare i tempi di scatto. In queste condizioni i tempi scatto più idonei variano da un tempo minimo di 5s a 30s. Nella fotografia paesaggistica notturna è fondamentale il tempo di scatto interagendo con un ISO che oscilla tra i 400 e i 600: qualora si superassero tali valori la foto verrebbe poco nitida nonostante la presenza del citato treppiede. Ovviamente la post produzione può dare risultati che sconfinano con la fantasia. Il segreto per migliorare nella fotografia è quello di sperimentare in continuazione qualsiasi sia il soggetto da immortalare senza mai demordere poichè serve per raggiungere i propri limiti e e superarli. Paesaggio e fotografia: un viaggio tra realtà e fantasia dove un semplice click apre le porte di un immenso paradiso terrestre da ammirare e sentire con tutti i sensi.

Di sotto trovate qualche foto di paesaggio scattata da me con il supporto a photoshop di Livio Facciponte.

  

 

 


4 thoughts on “Fotografia d’autore: il paesaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial