Tenere la barba lunga è igienico?

Tenere la barba lunga è igienico? La barba è uno style di vita quotidiano, in voga ormai da circa un decennio. Possono esservi diversi tipi di barba ma tutte hanno in comune quello di essere un ricettacolo di batteri, addirittura paragonabili alla sporcizia che si trova negli oggetti di uso quotidiano quali water, smarthpone, telecomando. Tali batteri sono da considerarsi un pericolo per la nostra salute e possono essere considerati il fulcro di diffusione di infezioni. Nella pelle già sono presenti microbi ma nella barba, per quanto possa essere curata e pulita, approssimativamente si arrivano ad annidare intorno ai 20 mila tipi di batteri. Barba da hipster: luogo di ritrovo per i batteri o no? In merito alla sicurezza della salute, vi sono dei pareri discordanti tra gli specialisti. Ad esempio il Prof. Hugh Pennington, professore di batteriologia all’Università di Aberdeen, afferma che i batteri della pelle e della barba, essendo gli stessi, non rappresentano un problema grave per la salute. Altri specialisti come Antony Hilton, capo del dipartimento dell’ Aston University, afferma che in presenza del raffreddore e con la barba lunga è più facile trasmettere alcuni germi pericolosi come lo staffilococco: basta un bacio o toccarla e il gioco è fatto. Tenere la barba lunga è igienico? Secondo il microbiologo Jhon Golobic, sono milioni i batteri presenti nel nostro corpo e per quanto possa essere inquietante la presenza dei batteri, il nostro sistema immunitario, è attrezzato per contrastare qualsiasi tipo di attacco batterico. E’ stata effettuata un’ altra ricerca svolta dal un altro microbiologo, Adam Robert dell’ University of College di Londra che risulta in contro tendenza con la ricerca effettuata dall’ Università di Abdersen, in quanto nella barba si sarebbe presente anche la presenza di un antibiotico naturale. Il medico ha coltivato in laboratorio 100 tipi differenti di batteri rinvenuti nella peluria del viso maschile, rilevando un microbo della specie dello Staphylococcus epidermidis riuscendo a colonizzare l’ambiente (pelle e barba) al punto da eliminare la presenza di altri germi, tra i quali anche un tipo di escherichia coli antibiotico-resistente. Ma quali sono le infiammazioni e le infezioni più comuni generate dal pelo? Secondo il  Prof. Antonino Di Pietro, Fondatore e Direttore Scientifico Istituto Dermoclinico Vita-Cutis, la pelle del viso può andare incontro ad infezioni  per l’ abitudine di farsi la barba ogni giorno. Asserendo il fatto che l’ epidermide maschile è formata da uno strato corneo a stretto contratto con l’esterno più spesso di quello femminile, la pelle è soggetta ad arrossamenti e infezioni, anche con un semplice taglio: infatti da questi possono penetrare germi, essendovi nella cute la presenza di batteri e funghi. Tuttavia , il problema si evidenza per lo più se la pelle è molto sensibilie. Occorre comunque essere seguito da un dermatologo ed evitare di radersi fino al giorno della visita. Un modo per avere una buona cura della barba stessa è quello di usufruire dell’uso delle forbici o del rasolio elettrico, che ne consentono di regolare la lunghezza della barba, ovviamente seguendo tutte le norme igieniche. Sempre secondo il Prof. Di Pietro, le infezioni da pelo, sono tre:

1) Follicolite che è un’infezione di tutto il follicolo pilifero, può riguardare oltre che la zona della barba, anche il cuoio capelluto, il dorso e i glutei. La malattia può essere causata dal contatto con sostanze chimiche o dall’uso di creme cortisoniche. In questo caso , attorno al pelo si creano dei rilievi grossi e arrossati formandosi al centro una pustola dalla quale esce pus, per poi ricoprirsi di una crosta giallastra. Da aggiungere che la follicolite interessa anche le donne, per via dell’ uso della ceretta ed essendo l’ infezione di uno o più peli, riguarda oltre che il viso, anche braccia, gambe, ascelle e il cuoio capelluto.

2) Foruncolo che è l’infiammazione profonda di tutto il follicolo pilifero e della zona la quale provoca la distruzione della struttura del pelo, causata dallo Staphylococcus aureus. Le zone più colpite sono quelle sottoposte a frequenti traumi. Si presenta sotto forma di nodulo doloroso, grosso e violaceo, duro poi più molle, da cui fuoriesce pus e che si ricopre di una crosta grigio-nerastra. Si possono gonfiare i linfonodi e compare la febbre. Può restare una cicatrice per la distruzione dei follicoli e dei tessuti vicini.

3) Il favo, formato da un insieme di foruncoli raggruppati tra loro è un’infezione che interessa numerosi follicoli piliferi vicini tra loro. La malattia, che in genere compare in seguito al peggioramento di un foruncolo trascurato, è piuttosto seria, provoca febbre anche elevata e gonfiore alle ghiandole vicine. Quando guarisce, nella maggior parte dei casi il favo lascia una cicatrice, dovuta alla distruzione dei follicoli e dei tessuti circostanti.

A detta di ciò, è opportuno comunque avere una cura ad ok del proprio viso, con qualche precauzione in più per i sostenitori della barba lunga, in sostanza come avviene per i capelli lunghi. Quindi alla seguente domanda: Tenere la barba lunga è igienico? Possiamo decisamente rispondere con un bel NO!!!

 


2 thoughts on “Tenere la barba lunga è igienico?

  1. Greetings! Quick question that’s totally off topic.
    Do you know how to make your site mobile friendly? My weblog looks weird when viewing from my iphone4.
    I’m trying to find a template or plugin that might be able to
    resolve this problem. If you have any recommendations, please share.
    Appreciate it!

    1. good evening. Meanwhile, thank you for your comments. We also have this problem the iPhone. To overcome this problem, all areas of the low-resolution site must be created

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial