Droga e cannibalismo:è la Flakka! (Video)

Droga e cannibalismo:è la Flakka! (Video) Il cannibalismo non è finzione ma realtà. I cannibali esistono, ancora oggi e agiscono nell’ombra, nella rete informatica e attirano le loro prede attraverso le chat. Ma è un’altra forma di cannibalismo ad essersi diffusa. Non è antropofagia ma Flakka. La Flakka, soprannominata anche come “Droga del Cannibale”, proviene dall’ america, ed è la droga più pericolosa al mondo, poichè i suoi effetti sono devastanti. Droga e cannibalismo:è la Flakka! (Video) Alterando in modo eccessivo le attività cerebrali, trasporta la vittima in un mondo parallelo. Aggressività, deliri, paranoia, decuplicazione della forza: tutti elementi distintivi degli zombie che si delineano nel perseguitato, tanto da spingere quest’ultimo anche a casi di cannibalismo, vero e proprio. La finzione che la tv ci ha abituato a vedere si trasforma in realtà. Gli effetti di questa sostanza sono rapidi nella diffusione e nello scarso uso, durano poche ore ma in casi di abuso eccesso, durano anche per giorni. La Flakka, prodotta in Cina ma diffusa largamente negli States, è comune anche in Europa. In Francia la si vende attraverso internet sotto forma di polveri e piccoli cristalli, denominata anche come sali da bagno. Droga e cannibalismo:è la Flakka! (Video) Questi piccoli cristalli, bianchi o rosa, sono cugine dell’anfetamina e possono essere mangiati, sniffati, iniettati o addirittura fumati con la sigaretta elettronica. Con la vaporizzazione, si tende ad avere un  sovradosagio, creando una condizione scientificamente nota come delirio eccitato, comportando anche fenomeni di puro autolesionismo. Secondo il “National Institute on Drug Abuse”, l’uso di questa droga tende al suicidio e a casi di arresti cardiaci, tanto è l’aumento dell’adrenalina nell’organismo. Flakka: droga, come altre tante ma ancora più pericolosa. Un rifugio virtuale ed immaginario di individui che a causa di una società oppressiva e probabilmente a causa di un carattere debole, non avendo altri modi di poter trovare apprezzamento, provano lo sballo, trovando soddisfazione momentanea ma perdita totale del proprio essere. Scritto da Carmelo Mulone.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Language»
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial